Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Verrá il nostro tempo, dici. Ti credo.

Lunedì, 21 maggio 2012 @08:41

Sanno di fluoro i baci in cucina;
le farfalline vagano da un pacco
di zucchero al Corriere da giorni
su un vassoio. Vorrei inventarti,
ma non c’è tregua per due amanti
che soffiano su vetri che non vogliono
appannarsi. Questo tempo non è
il nostro. Il nostro – dici, dicono –
deve ancora venire."
(Sebastiano Grasso)
Verrà il nostro tempo, dici. Ti credo.

I versi di oggi sono del poeta siciliano Sebastiano Grasso, e sono tratti da: La cenere ringrazia della brace e della favilla, Biblioteca dell’eros, ES.

9 commenti

patri fiorista | Martedì, 22 maggio 2012 @16:37

Grazie Domo,porta il mio abbraccio a tutte le persone in difficoltà.
Buon lavoro ,spero che oggi ci sia il sole Patri

Giusy | Martedì, 22 maggio 2012 @14:07

Sì, bella e coinvolgente la minicronaca di Domo, anch'io gli sono grata. leggo sempre volentieri i suoi commenti.

LISA | Martedì, 22 maggio 2012 @07:01

CARLA: sì, le farfalline sono quelle. Amore domestico, amore da inventare.

LISA | Martedì, 22 maggio 2012 @07:00

DOMO: grazie. Saper guardare, saper raccontare.

una a caso | Lunedì, 21 maggio 2012 @20:35

... sei fortunato a fare il lavoro che fai perchè vivi tante emozioni e ritrovi tanti sentimenti magari assopiti . aiuti a sperare in giornate migliori e apprezzi la vita più degli altri ....grazie per aver condiviso con noi i tuoi stati d'animo e averci raccontato queste dolcissime storie ..e che tutto possa sistemarsi al più presto .

domo | Lunedì, 21 maggio 2012 @17:22

Per lavoro sono in Emilia a seguire gli eventi legati al terremoto e anche in questi momenti, in questi luoghi e tra queste persone, ho trovato la poesia, intesa come emozione, momento, magia.
- Due vecchiette che coccolano e calmano bimbe che non sono nipoti ne conoscenti, ma che trovano nelle loro braccia quel cullare e quel calore che placa la paura e porta il sonno
- due famiglie che per una notte dividono una macchina a 7 posti, un thermos di caffè e un pacco di merendine e che si scoprono più vicine di quanto anni di condominio non gli abbiano mai permesso (e non si siano permessi)
- Il fornaio di un paesino che comunque sforna e regala il suo pane con il rumore della crosta di pane spezzato all'alba, quando fa freddo e la terra ha tremato da poco
- due gatti(ni) che trovano rifugio nelle nostre borse cariche di attrezzature televisive e che ormai fanno parte della "dotazione standard per broadcaster televisivi"
- Un signore che ogni sera ci racconta come si prepara il salame a "punta di coltello", sembra Peppone che spunta dalla nebbia e ci dona sorrisi e odori. Prima o poi sono sicuro che arriverà anche Don Camillo
- Il cronista della televisione estera che mi chiede se sia possibile organizzare una intervista "live" durante una scossa. Rigiro la domanda traducendola ad una simpatica signora che abita nel paesino dove siamo in questi giorni ma evito (al cronista) di tradurgli la sana sequenza di maleparole in dialetto emiliano che gli vengono fornite come risposte alla sua immensamente sciocca richiesta...
- Sperare di vedere il sole stamani e invece veder arrivare la pioggia
e leggere la poesia di Grasso e pensare che il tempo è quel che abbiamo nel momento che lo viviamo, perchè domani o l'attimo dopo non si sa.
ciao

carla | Lunedì, 21 maggio 2012 @11:16

A me non sembrano depressi, piuttosto mi esprime una idea di amore domestico: le farfalline mi ricordano quelle che si formano nei pacchi di riso o pasta che rimangono nella dispensa dimenticate, come quando si ritorna dalle vacanze.

una a caso | Lunedì, 21 maggio 2012 @09:53

...questi amanti sempre così tristi e depressi , da secoli tristi e depressi ....tranquilli ci sarà tempo anche per voi ma decidetevi,il tempo stringe e ci sono tante cose da fare

una a caso | Lunedì, 21 maggio 2012 @09:53

...questi amanti sempre così tristi e depressi , da secoli tristi e depressi ....tranquilli ci sarà tempo anche per voi ma decidetevi,il tempo stringe e ci sono tante cose da fare

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.