Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La tranquilla certezza della felicità.

Lunedì, 4 giugno 2012 @08:42

"Ride su me la primavera. Tornano
le rondini, si sa. Volano via
via le parole degli amici stolti.
Ritornano, per me, ora le antiche
parole dell’amore. In te, fanciullo,
splendono. Giuocano nei tuoi passi
incerti. Ma certa in me cammina
solitaria e tranquilla la felicità".
(Sandro Penna)
La tranquilla certezza della felicità.

Morto nel 1977, amico di Pasolini, Penna è stato un poeta, e omosessuale, certo; ma semplicemente poeta. I versi di oggi sono tratti da "Poesia d’amore del Novecento", una piccola antologia Crocetti.

18 commenti

Giusy | Martedì, 5 giugno 2012 @13:19

Vip prova a leggere Cancion del mariquita:Garcia Lorca. Provocatoria, almeno così mi sembra, ironica nei confronti di una società che non capisce. Non sono abile nel commentare, vedi tu.

LISA | Martedì, 5 giugno 2012 @08:49

VIP: certo che no! No worries, come dicono down under gli australiani (un modo di dire che mi ha fatto sempre sorridere). DOMO: troppo tempo che non rileggo Barthes. Ma quello che hai scritto mi ha fatto tornare in mente questo Buongiorno del maggio 2009, di una poetessa araba, che disegna una porta...

http://www.lisacorva.com/it/view/4/

antonella | Martedì, 5 giugno 2012 @08:29

Un cielo nn arrogante superficiale)))

saretta | Lunedì, 4 giugno 2012 @22:24

una carezza "Vip", ne hai bisogno. Ciao Ciao

Vip | Lunedì, 4 giugno 2012 @20:51

Saretta, mi dici come fai a sparare sentenze su persone che neanche conosci? Io non saprei farlo, ma a te vedo che riesce così facile. E' così che sfoghi la tua frustrazione?

saretta | Lunedì, 4 giugno 2012 @19:07

Per vip e Maria: il problema non è (almeno per me e per molti) l'omosessualità ma la "capa" che tenete, che è "capa e chiummo" cioètesta di piombo. Siete pesanti, noiosi e talmente frustrati e pieni di acidità che sfogate qui, perché fuori di qui zitti e testa bassa. Che scatole, ogni settimana qui dentro esce fuori una acida o un acido che rompe. Ma andate a pascolare!

Vip | Lunedì, 4 giugno 2012 @17:51

LISA, ci tengo a precisare che io amo tantissimo te e il tuo blog, senza il quale non saprei come fare alcune mattine. Quindi spero che il mio commento di stamattina non ti abbia infastidito. Forse perchè sono omosessuale e per questo mi sono sentito pungere! Semplicemente, a volte, mi da fastidio che l'omosessualità venga sempre sottolineata, mentre l'eterosessualità mai. Però le tue motivazioni mi sono piaciute e un po'mi hanno anche convinto. LISA, io e te non abbiamo litigato, vero? :)

domo | Lunedì, 4 giugno 2012 @17:28

Quando barthes scrive dell'attesa e di chi attende che guarda lo specchio appeso che riflette la porta da dove dovrebbe entrare l'atteso...

LISA | Lunedì, 4 giugno 2012 @17:22

Grazie per i petali di rosa, Maria (ma credimi: anche se a volte non rispondo, leggo tutto... e quel che conta non sono le mie risposte, è il profumo di tiglio e di rose). Annetta: ed Aria ha appena aggiunto alla lista dei piaceri semplici di giugno i vestiti peso piuma, bellissimo. Forse dovrei riscriverla!

annetta | Lunedì, 4 giugno 2012 @17:05

aaaahhh il profumo dei tigli...casa, mamma, estate che arriva e albe insonni sul balcone padano a combattere le prime afe e le zanzare. il profuno dei tigli e' proprio quello dolce dell'estate...grazie a chi l'ha ricordato

Maria | Lunedì, 4 giugno 2012 @16:43

Ciao Lisa,
non ho sbagliato blog,sei stata tu a sottolineare ciò e ti dirò di più a differenza adesso mi hai risposto volta scorsa hai ignorato tutto e non mi hai risposto capisci che l'immagine che avevi dato di te non era bella per niente?
ciao e grazie per il profumo dei tigli che contraccambio col profumo di rosa

LISA | Lunedì, 4 giugno 2012 @16:11

MARIA: che io sappia, sottolineo solo libri. Sei sicura di non sbagliare blog? (E in ogni caso, mando a tutti un po' di profumo di tigli, come mi ha ricordato Alessandra nel post di ieri. Se proprio dobbiamo sottolineare, che sia qualcosa di bello!).

maria | Lunedì, 4 giugno 2012 @15:57

per Domo
Semplicemente perchè chi scrive tende a dare non risposte e sottolineare gli errori di velocità nella scrittura

LISA | Lunedì, 4 giugno 2012 @15:55

La mia copia di Barthes è molto amata e molto (amorevolmente) sottolineata!

domo | Lunedì, 4 giugno 2012 @15:49

C'è una cosa che mi colpisce nei lettori (uomini e donne che siano) di questo sito. Spesso c'è un fondo di quasi rancore, puntiglio, puntini sulle i, sottolineare a tutti i costi, che si ritrova in molti commenti... ma perchè tutto questo? Personalmente trovo questo sito bello, importante per l'opera di diffusione della poesia e/o di autori altrimenti sconosciuti (parlo per me). Trovo Lisa sempre equilibrata e fin troppo discreta nel suo ruolo di autore, editor e padrone di casa; inoltre il poter lasciare un commento senza passare da iscrizione, password, liberamente e firmando come si vuole è raro , e chi naviga lo sa bene.
E allora perchè?
Più del piacere di leggere mi sembra che ci sia il piacere di prendere in fallo e rimarcare sempre in modo eccessivo quel che non rientra nella propria sfera mentale, forse un pò di serenità in più e scivolare nella poesia potrebbe aiutare.
Non sto difendendo Lisa, non ne ha bisogno ma da lettore mi rivolgo agli altri lettori, come me ospiti di questo spazio.
Detto questo, Lisa conosci (domanda retorica la mia) "frammenti di un discorso amoroso" di Barthes? Io lo trovo bellissimo e a volte triste, mi dici il tuo pensiero (se ti va ovviamente!) su questa opera? Grazie e ciao a tutti

maria | Lunedì, 4 giugno 2012 @15:19

beh vedo che anche tu sbagli a scrivere in italiano visto che mi hai ripreso faccio lo stesso

LISA | Lunedì, 4 giugno 2012 @12:30

VIP: certo, e accetto la critica. Ma a me dei versi di Sandro Penna - questi in particolare - piace anche la quieta fierezza di un amore tra uomini. E mi sembrava bello sottolineaerlo.

Vip | Lunedì, 4 giugno 2012 @12:28

LISA, perdonami, ma sottolineare il fatto che Penna e Pasolini siano stati omosessuali non mi è piaciuto tanto. Su di loro possiamo dire anche tante altre informazioni (meno da gossip). Non credi?

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.