Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Se un giorno riuscirai a guardarti indietro e ridere di qualcosa, già che ci sei ti conviene riderci su adesso.

Venerdì, 8 giugno 2012 @10:12

"Se un giorno riuscirai a guardarti indietro e ridere di qualcosa, già che ci sei ti conviene riderci su adesso"
(Marie Osmond)
Ci vuole allenamento. Comincio ora.

Mi sto appassionando alle frasi-flash dette da donne dimenticate, giornaliste o anche attrici comiche, come l’americana Marie Osmond. La saggezza di una battuta.
Come ogni venerdì, la trovate in inglese su Friday Lisa. Come ogni giorno, se siete su Twitter la ricevete in diretta al mattino, sul vostro telefonino: il mio Buongiorno!

8 commenti

Aminta | Sabato, 9 giugno 2012 @21:59

E' quello che sto cercando di insegnare a mia sorella, cerco di farla sorridere per aver perso la casetta dei suoi sogni non per il terremoto ma per truffa. Così insieme ai suoi compagni di sventura lei cerca di prenderla sul ridere. Altro non si può fare e conviene riderci su dato che non si tratta di sentimenti o affetti perduti.

domo | Sabato, 9 giugno 2012 @13:31

Per Carla: magari non lo imparerà mai... Però che bello che lo fai te!

carla | Sabato, 9 giugno 2012 @11:17

io rido di qualcosa sempre, ma non sempre gli altri riescono a farlo con me!
Mi marito ad esempio mi detesta quando cerco di smorzare la"cattiveria della vita" con l'ironia, ma io insisto : prima o poi imparerà anche lui, o no ?

domo | Sabato, 9 giugno 2012 @05:21

Con mia figlia abbiamo inventato un gioco, quando magari sbatte e si fa male, ovviamente entro limiti accettabili..., mi lamento io al posto suo. Questo smorza la situazione e la risata è liberatoria. So che non c'entra con la frase di oggi, ma "riderci su" è così importante...

Anonimo | Venerdì, 8 giugno 2012 @20:48

Buon fine settimana lisa.

Elena | Venerdì, 8 giugno 2012 @15:06

Ti chiedo scusa e da oggi terrò per me il mio sdegno a veder questo mondo invaso di persone senza ritegno, purtroppo vincono loro. A te un bacio pieno di affetto

una a caso | Venerdì, 8 giugno 2012 @12:35

,,,,,grazie Lisa mi hai ricordato la canzone SMILE

Vip | Venerdì, 8 giugno 2012 @10:40

Il tuo sms, LISA, oggi è arrivato puntuale a ricordarmi che anche per le cose che adesso mi sembrano mostruose e difficili un giorno potrò ridere. O forse posso cominciare a farlo adesso. armandomi di pazienza e forza di volontà. Ci vuole allenamento, sì per sopportare una distanza che ci separa e che allontana quei ricordi che io ho costruito nell'aria, ma che sono così forti che -forse- nulla potrà far cadere, neanche la tempesta di vento più forte. Vorrei poter tornare a discutere dei colori delle pareti immaginarie della 'nostra' casa immaginaria, vorrei tornare a combattere per le cose difficili con lui, come facevamo una volta, "perchè quelle facili ti annoiano, mentre quelle difficili sono belle se fatte in due" -questo diceva lui, prima di rendersi conto che questa distanza era troppo enorme per permetterci di lottare insieme. Vorrei tornare ad essere quella piccola luce lontana che illuminava e riscaldava il suo cammino, dal passato troppo oscuro, troppo buio. Perchè nella vita anche la luce arriva sempre, prima o poi. All'inizio la vedi da lontano, ti sembra di non crederci. Ma se hai coraggio e t'incammini su questo sentiero secondario, stai tranquillo che un girono ci arrivi e voltandoti indietro potrai solo dire "ne è valsa la pena", magari -perchè no?- ridendoci un po'sopra....

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.