Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Quanto è fortunata ad avere quest’uomo che la ama, giorno dopo giorno, e nelle serate insopportabili dei martedì!

Martedì, 12 giugno 2012 @08:05

"Quanto è fortunata ad avere quest’uomo che la ama, giorno dopo giorno, di notte, in quei sonnolenti pomeriggi della domenica e nelle serate insopportabili dei martedì! Anno dopo anno, pazientemente, suo marito ha fatto emergere la bambina che a tre anni stava sulla soglia della cucina stringendo una bambola, e chiedeva di essere presa in braccio"
(Riikka Pulkkinen)
Mariti.

Il Buongiorno di oggi è tratto dal romanzo "L'armadio dei vestiti dimenticati", Garzanti. Se cliccate sul nome dell'autrice, una giovane scrittrice finlandese, trovate altre sue frasi flash e la nostra intervista.

4 commenti

Settembre | Martedì, 12 giugno 2012 @13:32

12 52 7

Settembre | Martedì, 12 giugno 2012 @12:00

Il marito ideale..
Proprio come il mio
Gli ho scritto una lettera che non gli ho mai dato; è custodita gelosamente nel mio cassetto.
Un giorno o l’altro lo sorprenderò e gliela darò, chiedendogli scusa di non aver capito e non avergli creduto di quando mi confessò , fra le righe, il suo amore per me.
Che STUPIDA.

una caso | Martedì, 12 giugno 2012 @11:19

.....domanda : è il marito ideale o è troppo monotono ?

Francesca | Martedì, 12 giugno 2012 @10:09

Fortunatissima, sì, come mi sento io. Amata per come si è, proprio per come si è e non nonostante quello che si è. ;-)

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.