Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

L'inizio del viaggio.

Venerdì, 24 luglio 2009 @08:28

Per il Buongiorno di City di oggi, 24 luglio – che è anche l’ultimo prima dell’estate, la rubrica riprenderà a fine agosto – ho scelto una frase che parla di viaggio. Anzi: di viaggi.

"Quando comincia davvero un viaggio – o un’amicizia –o un amore? Gli inizi: così affascinanti, e così ambigui, così poco chiari. Ma arriva sempre un momento in cui capiamo che siamo già, e da tempo, per strada".
(Katherine Mansfield)

Sì, è tutto già cominciato, sta per cominciare. E’ già iniziato il viaggio che mi porterà lontano. Quel viaggio che spero di fare – anche - con te.

Non sono soddisfatta della mia (pessima) traduzione, quindi ecco la frase in originale, in inglese: "When does one really begin a journey – or a friendship – or a love affair? It is those beginnings which are so fascinating and so misunderstood. There comes a moment when we realise we are already well on our way".
E’ tratta da una lettera di Katherine Mansfield del 5 dicembre 1921, all’amico Sydney Schiff. E, come ogni volta che leggo qualcosa tratto dagli epistolari degli scrittori, mi chiedo: ma cosa ne sarà, oggi, di tutta la corrispondenza via web, di tutte le mail? Di tutte le parole volatilizzate nel cyberspazio?
Ho letto questa frase in un altro piccolo libro ritrovato nel trasloco, "A Katherine Mansfield book of days", una specie di diario perpetuo con foto e frasi della scrittrice neozelandese, che mi era stato regalato anni fa da un’amica che andò in viaggio appunto in Nuova Zelanda… Dalla copertina mi guarda lei, Katherine, il caschetto di capelli che andava di moda nel 1920, il sorriso malinconico. Quanto mi piaceva quando l’ho scoperta: avevo 16 anni e ricordo ancora la copertina mauve della raccolta di racconti, per Adelphi. Amori sospesi, esitazioni, emozioni, giovani donne sull’orlo della vita… E una nuvola di malinconia. Ne parlo come di una vecchia amica che, ritrovata su Facebook, esiterei a contattare. Avremmo ancora qualcosa da dirci? Ora, confesso, mi sento amica solo di sua cugina (e dire che all’epoca non sapevo neppure che esistesse!), ovvero Elizabeth von Arnim. Già: conoscete bene la mia passione per la von Arnim, una specie di Jane Austen di inizio Novecento: la sua leggerezza, l’ironia, il buffo sguardo sulla vita (che ritrovate nei suoi romanzi pubblicati da Bollati Boringhieri: cominciate con Il padre . Altra strana coincidenza: anche l’amica che mi regalò, affettuosamente, questo piccolo libro, l’ho persa per strada… Ora è solo un nome nel mio indirizzario e-mail. Succede? Succede.
Ma torniamo alle nostre scrittrici. Quel che non sapevo, e che ho scoperto da poco, è che erano cugine: nate entrambe in Nuova Zelanda, entrambe Beauchamp (per la precisione Kathleen Mansfield Beauchamp, e Mary Annette Beauchamp). Tutte e due, alla fine, emigrate in Europa, ma con che destini diversi! E con quale diverso sorriso sulla vita. Anche questa è una cosa che ho imparato strada facendo: la nuvola di malinconia è soffice, ma è come nebbia. Quel che ci salva, e ci permette di non perderci, è la luminosa leggerezza, e il lampo dell’ironia.

22 commenti

Anonimo | Venerdì, 5 novembre 2010 @21:57

baciare le labbra di Laura appena salate
un amore che non durerà un 'estate

Anonimo | Domenica, 9 maggio 2010 @16:56

Come vorrei essere con te, Lalla, ma a cosa servirebbe?
Ti amo, ti odio, è tutto vero, è tutto falso.
Sono ridotto a scrivere nel passato, quando credevo di essere felice.
Goditi le danze, as you says.

Anonimo | Martedì, 4 maggio 2010 @22:10

vuoi essere la mia candida puttana
la mia trepida amante?

Anonimo | Mercoledì, 28 aprile 2010 @21:43

jeg vil eje dig,du skal vaere min.

voglio possderti, devi essere mia.

Anonimo | Martedì, 20 aprile 2010 @18:57

ma anche: quando finisce? quando si separano le strade? perchè?

alexo | Martedì, 13 aprile 2010 @19:28

come i ragazzi sui muri slabbrati delle città del non futuro:
LALLA LALLA LALLA LALLA

ALEXO | Domenica, 4 aprile 2010 @19:19

Ma se torno indietro nel tempo, quale Lisa risponderà? Quella di allora, o questa di oggi 4 aprile 2010? Comunque inizia da qui o poco prima il
mio viaggio proibito con Laura. la amo, la amo, la amo. Che cosa accadrà? scopriamolo nel blog

kikka | Mercoledì, 29 luglio 2009 @11:43

sono felice del tuo ritorno, la nuova graica mi piace un sacco... grazie per tutte le belle cose che scrivi e di tutti i consigli che dai!!!!!!!

LISA | Sabato, 25 luglio 2009 @20:13

Ali stropicciata, grazie della cronaca in libreria: ma ti sei dimenticata di spiegare, per le nuove arrivate - soprattutto le aspiranti madri - del blog, chi è Cristiana e cosa ha scritto!

Malu 63 | Sabato, 25 luglio 2009 @19:12

Felice di ritrovarti di nuovo carissima Lisa, certo ogni volta ci sono "cambi" dopo una assenza e devo dirti che stavolta ero preparata e quindi meno rimpianti dell'altra volta, ma ti confesso che il pink mi mancherà sempre! Però visto che quest'anno il viola è di moda perchè non approffitarne.

heidi66 | Venerdì, 24 luglio 2009 @16:26

Bentornata Lisa e un augurio di cuore alle ex aspiranti che sono state finalmente raggiunte dalla cicogna

francesca la caorlotta | Venerdì, 24 luglio 2009 @15:21

Lisa cosa pensi dei libri di "Sophie Kinsella"!

Simona, ex Pasionaria | Venerdì, 24 luglio 2009 @12:51

Finalmente sei tornata vestita in tonalità "mauve" abbandonando il nostro caro "pink", ma va bene così perchè presto ci saremo di nuovo tutti quanti, vero? Immagino che la scelta di rinnovo non sia stata dettata solo dai problemi telematici. E quindi: cosa hai combinato in questi 3 mesi? Non pensare di cavartela con i viaggi, le amiche, le Mansfield e le Armin, vero? Vogliamo di più, of course. A presto quindi e bentornate a tutte/i. PS Avrei bisogno anch'io di consigli letterari da portare in valigia.i

StEmma | Venerdì, 24 luglio 2009 @11:56

Menomale, sei tornata! Ormai il tuo blog è una piacevole abitudine che non voglio perdere. Lisa che dici, ci suggerisci anche quest'anno qualche piacevole libro per l'estate?
Grazie e bentornata!

aerin | Venerdì, 24 luglio 2009 @11:15

lisa finalmente! ben tornata! ti auguro buone vacanze ed è bello pensare che a settembre ti riroverò.

Alistropicciata | Venerdì, 24 luglio 2009 @11:04

Ciao Lisa, ciao pinks,
volevo raccontarvi la conferenza tenuta dalla nostra Cristiana in libreria...Meravigliosa lei, avvincente la serata...

QUANDO LA CICOGNA NON ARRIVA

E’ venerdì 17. Il giorno della conferenza!! Mi alzo con il piede giusto, non passo sotto la scala, non attraverso la strada dopo il passaggio di un gatto nero, incrocio le dita, sto attenta a non versare l’olio. Non sono superstiziosa, ma non si sa mai!!!
Bisogna essere ottimisti, ma…: la data della conferenza ha permesso di arricchire notevolmente la cronaca glam-cheap..
Il pomeriggio di preparazione in libreria è iniziato con ritardi, appuntamenti mancati, dimissioni e gentili declini agli inviti diffusi. Per la serie: meglio soli che male accompagnati.
Quando sembra che le congiunzioni astrali siano di nuovo dalla nostra parte ed il telefono squilla ...accade l’irreparabile. Colui il quale sta preparando proiettore e pc cade rovinosamente da una scala...e quello che succede dopo non lo so. Ricordo solo di aver visto proiettore e pc volare a mezz’aria, sedie spostarsi nello spazio e la speranza nella riuscita della serata svanire nel nulla. Frattura multipla scampata: Grazie Signore!!!!
Ma niente filmato, niente audio A che pro preparare il buffet, ormai è finita.......Torno a casa che è meglio!!!
Invece è proprio la disperazione degli ultimi venti minuti che ci dà l’energia necessaria a finire l’opera, ad ingegnarci ed a risolvere i problemi "La calma è la virtù dei forti

francesca la caorlotta | Venerdì, 24 luglio 2009 @10:47

Ops LIsa, devo tornare a studiare 1 po' la geografia!

Andrea Rényi | Venerdì, 24 luglio 2009 @10:36

Che piacere leggerti di nuovo!

LISA | Venerdì, 24 luglio 2009 @10:06

Due Annunciazioni Telematiche! Ma è bellissimo. Sono contenta quando il Libro Rosa (per i nuovi e le nuove sintonizzate: lo vedete qui a sinistra, è la storia di Emma, aspirante madre) porta fortuna, rimette a posto il gps della cicogna che si era persa per strada, o semplicemente consola... E certo, Laura, la sex and the city dipendente, che mi ricordo di te, e della tua manicure/pedicure antidpressione! Viva Davide in arrivo. Per
Francesca, altra amica di Emma, un abbraccio e una precisazione: io non sono friulana... sono triestina! Piccola - ma fondamentale - differenza.

Francesca | Venerdì, 24 luglio 2009 @09:37

Laura congratulazioni! Anche a me il libro rosa, ha portato novita' a novembre arriva Letizia.

Francesca la veneta | Venerdì, 24 luglio 2009 @09:34

Stamane ho letto i tuoi articoli su city travel e city spring. Ho scoperto una cosa, sto leggendo "il mio cielo" di Dalila Di lazzaro, e mi accorgo che voi due siete entrambe friulane(una di Udine e l'altra di Trieste)...a proposito bello il Castello di Miramare.

... viaggi | Venerdì, 24 luglio 2009 @09:23

Bentornata Lisa. Spero ti ricordi di me, è da un po' che volevo dirtelo piano piano, lievemente, quasi fosse un sussurro: il mio lungo viaggio, iniziato oramai qualche anno fa assieme ad Emma, mi ha donato Davide, che nascerà a dicembre.
Ho pensato fosse giusto condividerlo con te, con voi ... piano piano ... lievemente senza troppo clamore.
Bentornata.
Laura, La Sex & the City dipendente

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.