Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Non c’è niente di più triste che svegliarsi la mattina di Natale e scoprire di non essere un bambino.

Giovedì, 20 dicembre 2012 @08:07

"Non c’è niente di più triste che svegliarsi la mattina di Natale e scoprire di non essere un bambino."
(Erma Bombeck)
Salva il bambino che è in te. Stupiscilo, almeno per Natale.

7 commenti

federica (www.ilvinoeleviole.it) | Venerdì, 21 dicembre 2012 @21:25

ricordo nitidamente la notte dell'arrivo di babbo natale. mi addormentavo con il sonno di sempre ma con un'emozione che mi bucava lo stomaco. Sognavo e risognavo il momento in cui mi sarei alzata.
mi pare ancora di sentirla quell'emozione. Questa frase mi ci ha fatto ripensare. grazie

Lilabella | Venerdì, 21 dicembre 2012 @17:21

Parlavo del sorriso qualche buongiorno fa ed ora cara Lisa mi viene in mente che la prima cosa che ci colpisce dei bambini è il loro sorriso ed il loro modo di giocare. Sarebbe bello per un attimo tornare bambina ma credo sia bello esserlo sempre nel cuore!

Domo | Giovedì, 20 dicembre 2012 @18:03

Ho lavorato in un documentario dal titolo "Mother India" dove si raccontava il viaggio di una coppia cha da Calcutta attraversava l'India fino a hyderabad per scoprire le cause dell'infertilitá ed eventualmente esplorare altre possibilità. Ricordo la voce di lei che nell'ipnotico e interminabile movimento del treno raccontava la sua intima difficoltá, affettiva psicologica e sociale, del non essere madre. Ho letto con attenzione le parole di Maria grazia e ho ritrovato la stessa incrinata e profonda emozione che ascoltavo nelle parole (fortunatamente in inglese) della protagonista del documentario

carla | Giovedì, 20 dicembre 2012 @18:03

quest'anno i miei ragazzi ( 14 anni, 11 e 9) hanno smesso di credere in babbo Natale, e io continuo a dire loro, ma no guarda che arriva!

Giusy | Giovedì, 20 dicembre 2012 @15:50

Rodari, Saint Exupery, come mi sono piaciuti, li ho letti attraverso i miei bambini... d'antan. Bello ricordarli e ricordare, e ricordare il dialogo tra il Piccolo Principe e la volpe. mi è tornato in mente proprio ora, scrivendo.

Francescasièsposata | Giovedì, 20 dicembre 2012 @10:28

Tutti i grandi sono stati bambini una volta. (ma pochi di essi se ne ricordano)... Citazione dal Piccolo Principe.
Il mio augurio è che tutti se ne ricordino e non solo a Natale! :-)

una a caso | Giovedì, 20 dicembre 2012 @10:08

....un invito a tutti i giovani a non perdere troppo in fretta la lorp infanzia e agli adulti a ritrovarla attraverso quell'incantamento che hanno dimenticato . ma se siamo fortunati ad avere figli e nipoti colmeranno loro i nostri vuoti aiutandoci a riempirli con la gioia e lo stupore dei loro occhi

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.