Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Piena di te è la curva del silenzio.

Lunedì, 7 gennaio 2013 @08:36

"Piena di te è la curva del silenzio."
(Neruda)
Ci sei anche quando non ci sei. Il silenzio è solo desiderio di te.

6 commenti

Mari | Venerdì, 11 gennaio 2013 @14:42

Quando voglio trovarti mi chiudo nel mio silenzio, nonostante il caos e il continuo muoversi del mondo che mi circonda, mi fermo e in silenzio ti trovo, ti sento ancora vicino.
L'importanza del silenzio, ogni tanto me ne dimentico.

Lilabella | Lunedì, 7 gennaio 2013 @18:21

Un sogno strano stanotte. Un bacio appassionato dato a chi oramai non c'è più per me (intendo emotivamente). Ma forse ci sono silenzi che invece sono pesanti e da quelli è meglio allontanarsi. Ci sono tante poesie belle, Lisa, che riguardano Neruda e questa certamente è una di quelle.

Giusy | Lunedì, 7 gennaio 2013 @14:11

......e ci sei anche se non ci sei, non puoi esserci più, e allora, il silenzio ha il suo più profondo significato. Questo, per quanto mi riguarda, vale per le persone care che marcano la curva dei miei silenzi.

Paola | Lunedì, 7 gennaio 2013 @11:52

quando il silenzio ci parla di una persona.. trovo sia bellissimo, quella forma di legame che si crea ad essa..
Buon inzio settimana a tutte e a te Lisa! :)

Stefania che scrive da Roma | Lunedì, 7 gennaio 2013 @11:47

la presenza nell'assenza... bentrovate a tutte!

Ornella Roccuzzo | Lunedì, 7 gennaio 2013 @11:39

un piacere leggerti, come sempre...

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.