Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Perché le tue amiche non ti adorano nonostante i tuoi difetti, ti adorano per i tuoi difetti.

Lunedì, 12 maggio 2014 @09:09

"Perché le tue amiche non ti adorano nonostante i tuoi difetti, ti adorano per i tuoi difetti, e secondo Balzac era questa la forma d’amore più vera".
(Tania Kindersley e Sarah Vine)
Se sei un’amica. Se hai un’amica.

Il Buongiorno di oggi è tratto da una specie di piccolo manuale sulla femminilità oggi, scritto con grande ironia da, guarda caso, due amiche! Due giornaliste inglesi: "All’indietro sui tacchi a spillo", Einaudi. Il titolo? E' un celebre "bon mot": Ginger Rogers ha fatto tutto quello che faceva Fred Astaire; però all’indietro, e sui tacchi a spillo.

4 commenti

LISA | Martedì, 13 maggio 2014 @16:53

L'Eterno Amico, come tutti gli amici a maschi, è una categoria a parte. Un altro cassetto...

Aminta | Lunedì, 12 maggio 2014 @19:29

e l'eterno amico dell'ultimo libro era anche maglione o no? non ricordo esattamente

LISA | Lunedì, 12 maggio 2014 @18:18

Ciao Camilla. Credo che il pezzettino sulle amiche maglione sia stato il più citato, copiato, dedicato del mio ultimo libro, "Ultimamente mi sveglio felice". Ci sono amiche che se lo meritano.

Camilla | Lunedì, 12 maggio 2014 @18:08

Le amiche, dono prezioso.
E questa frase è perfetta da regale proprio a loro, come quelle di qualche tempo fa, sui nodi da riallacciare e sulle amiche maglione. Le mie preferite.

Grazie Lisa :)

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.