Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La mia vita è una stanza, il futuro è la finestra.

Martedì, 31 marzo 2020 @10:13

"Gli anni passeranno. Rammenterai.
E proprio questo alloggio,
il mobilio di compensato, e il cavallo
di plastica, e il mio quaderno,
dove cerco di fissare tutto questo, e le calosce fradicie
sul calorifero, e il vicino Goša
e Tomik che si ostina a pisolare
tra le fresche lenzuola, saranno per te un paradiso."
(Timur Kibirov)
La mia vita è una stanza, il futuro è la finestra.

Il Buongiorno di oggi è una poesia, tratta da un’antologia: "Poesia del Novecento in Italia e in Europa", Feltrinelli. Ho aperto il libro dove avevo messo una cartolina come segnalibro: ed eccolo, il Buongiorno di oggi, di un poeta che non conoscevo. Leggo su Wikipedia, la mia fidata enciclopedia digitale: Timur Kibirov, ovvero Timur Jur'evič Zapoev, nato in Ucraina nel 1955 da una famiglia originaria dell'Ossezia del Nord, ha preso lo pseudonimo Kibirov in onore di un suo antenato per parte materna, il colonnello dell'esercito zarista Georgij Kibirov, che godette di grande prestigio presso i cosacchi. Cominciò a scrivere poesie nella Russia underground.
Ma anche il libro, tutto consumato, ha una storia: l’ho trovato in una giornata di pioggia sull’isola di Salina, un anno fa: piccola biblioteca libera e bookcrossing. Salina, l'isola siciliana dov’ero andata (anche) per intervistare la giovane chef Martina Caruso. Salina, girare con il motorino, il vulcano di Stromboli davanti agli occhi, le granite di caffè e mandorle con la panna.. Un improvviso vento di mare è entrato nella mia stanza. Già. La mia vita oggi è una stanza, ma il futuro è la finestra. Non "alla" finestra, come adesso: il futuro è la finestra, da cui usciremo, e che già oggi possiamo aprire sul mondo.

5 commenti

Jhon | Giovedì, 2 aprile 2020 @14:33

Siamo distanti oggi per abbracciarci domani piu Forte restiamo a casa e a godere il sole che entra sul fenestre abraccio Lilla

Lilabella nuova | Giovedì, 2 aprile 2020 @12:45

Grazie Lisa! Un saluto a te e all'Anonimo. Lila

Anonimo | Martedì, 31 marzo 2020 @19:39

Bello come sempre lisa non ho mai letto Timor kibirov ho capito la mia vita e fenestra il mio futuro e un stanza meglio cosi un sorriso a tutti Lilla ti saluto

LISA | Martedì, 31 marzo 2020 @17:50

Lilabella, che bello essere una finestra!

Lilabella nuova | Martedì, 31 marzo 2020 @13:56

Buongiorno Lisa, faccio un copia incolla fuori tema, perché non so se hai letto questo mio commento:

Buongiorno Lisa, diciamo che è un pò un'immagine poetica. Mi son venute in mente le spighe illuminate dal sole e quindi dalla luce, quindi un'immagine di speranza e di rinascita. Vedo che tante come me avevano bisogno dei tuoi buongiorno e dei tuoi spilli, in questo tempo in cui il tuo salotto verde ha un significato profondo, di ricordi e di vite vissute.
Per tornare al buongiorno di oggi: un verbo bellissimo, rammenterai, mi permetto di aggiungere, ricorderai. Io credo che ricorderò questo momento proprio per quello che significa come privazione di affetti, di emozioni da dividere e condividere soprattutto con i miei cari.
Per adesso oltre alla finestra della mia stanza c'è la tua finestra e credimi, non è cosa da poco! Un sorriso a te e al salotto color della speranza.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.