Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Cuore di geranio, dita di gelsomino. La mia vita è un balcone.

Mercoledì, 15 aprile 2020 @08:49

"L’odore della legna mi toccava il cuore con dita, come di gelsomino, come di alcuni ricordi."
(Neruda)

Cuore di geranio, dita di gelsomino. La mia vita è un balcone.

Non so come sia arrivato tra i miei scaffali, è un Neruda dalla bellissima copertina grafica, solo il nome in bianco su fondo blu: "Poesie", Nuova Accademia Editrice, in un’edizione che si sta quasi disfando del 1963, quindi prima che io nascessi! Probabilmente è finito qui da qualche biblioteca di famiglia (chissà, mia zia triestina). In ogni caso è qui con me, questo piccolo Neruda; con ancora il prezzo, 600 lire. E’ accanto ai libri anni Settanta con copertina psichedeliche dove ho sottolineato, e amato, da ragazza, i versi del poeta spagnolo. Neruda che mi torna sempre in mente in primavera. Anche quest’anno, quando il mio gelsomino in terrazza a Trieste è lontano, e spero che rallenti, che la primavera rallenti un attimo, che aspetti che io possa uscire, passare il confine, tornare a vedere il mare e il gelsomino.
Intanto rileggo Neruda. I versi di oggi li ho ritagliati da "Ode all’odore della legna", e in fondo al libro ci sono anche in spagnolo. Ricopio il pezzetto per allegria, anche perché il nuovo serial di quarantena per me è Casa de Papel, il thriller spagnolo Casa di carta, qualcuno qui lo vede?
"Afuera/las puntas / del cielo cintilaban/ como piedras magnéticas / y el odor de la leña/ me tocaba/ el corazón/ come unos dedos / como un jazmín, /como algunos recuerdos".

6 commenti

Nidia VEDANA | Giovedì, 30 aprile 2020 @20:58

"Cuore di geranio, dita di gelsomino. La mia vita è un balcone."
Grazie Lisa, sono sue queste parole, questi tre bellissimi versi, oppure dello stesso Neruda?
La scelta generosa e delicata dei brani che condivide con chi entra in questa sua finestra, è un appuntamento frequente per me, anche se poco intervengo.

Daniela | Venerdì, 17 aprile 2020 @14:24

quanto e bella il salotto Verde di Lisa!!! anzi il nostro blog...mi affascina molto i fiori gelsomino ma in particolare le Rose

LISA | Giovedì, 16 aprile 2020 @18:05

Anch'io, Francy, all'inizio del lockdown non riuscivo proprio a leggere (ho anche provato con gli audio libri, quelli free di Rai Radio Play: "Ad alta voce": consiglio. Ogni romanzo letto da un diverso attore/attrice). Poi per fortuna ho ricominciato a leggere... Ma non riesco a riempire questo tempo sospeso di quelle attività terapeutiche in cui eccellono molte mie amiche: fare i ravioli come li faceva la nonna, mettere a posto gli armadi, svuotare i cassetti... Macché. Anche il buon proposito di spolverare tutti i libri della biblioteca è caduto nel vuoto. L'unica cosa che riesco a fare, a parte sognare che riaprano i bar per andare a prendermi un cappuccio con brioche, è sfilare i libri dagli scaffali e cercare dei coriandoli colorati (questi Buongiorno, che su Instagram e Facebook sono colorati, ognuno di un colore diverso). Una pioggia di coriandoli che mi fa bene. E sono quindi contenta se arriva anche a voi!

Francy | Giovedì, 16 aprile 2020 @17:28

un gelsomino rigoglioso si fa ammirare sul balcone di fronte al mio ed una siepe soffice, ricca costeggia il passaggio pedonale sotto casa, alcune viole spuntano "spericolate" fra i sassi, questo tutto intorno è profondo silenzio e deserto.Questo tempo sospeso mi disorienta e non mi riesce nemmeno di leggere, poi tutti i propositi di fare ordine nei cassetti e negli armadi vanno puntualmente a vuoto. Grazie Lisa del tuo salotto verde, lo visito con la sicurezza di trovare sempre la risposta a qualcosa che neppure io avevo bene individuato, ma che era latente dentro di me. I gelsomini hanno ingentilito la mia giornata, ed auguro a tutti di avere buoni momenti di serenità anche ai tempi del coronavirus, perché la poesia e il condividerla ci aiuterà a vivere meglio con un equilibrio ritrovato.

LISA | Giovedì, 16 aprile 2020 @14:25

Sul balcone milanese della mia infanzia ricordo un glicine, gerani, e forse anche un gelsomino. Il glicine, peccato non averne nessuno vicino in questa quarantena.

Giusy | Giovedì, 16 aprile 2020 @13:11

...un gelsomino milanese fioriva un tantino striminzito, profumato, sul balcone di un'amica. Alcuni ricordi arricchiscono i nostri balconi e i giardini.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.