Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Quando il mondo ti ricorda che sei al mondo.

Martedì, 2 giugno 2020 @11:50

"Il vento è cessato e sotto gli alberi c’è la luce soprannaturale che segue la pioggia."
(Marguerite Duras)
Quando il mondo ti ricorda che sei al mondo.

Pensavo fosse la fine del mondo, e invece è l’inizio: più lucido e lavato di pioggia, più nuovo. La frase di oggi è tratta da "L'amante", Feltrinelli, di Marguerite Duras. Un incontro, un amore proibito - il suo - negli anni Venti in quella che all’epoca era Indochine, territorio colonizzato francese sul Mekong, ora Vietnam. Piogge tropicali. Asia nel mio cuore.
 


Sentite come suona leggero in francese:
"Le vent s’est arrété et il fait sous les arbres la lumière surnaturelle qui suit la pluie".

2 commenti

LISA | Giovedì, 4 giugno 2020 @08:47

Carla, belle, vero, le frasi che ci riportano indietro nel tempo?

Carla | Martedì, 2 giugno 2020 @15:28

Che ricordi, Lisa! Leggendo il buongiorno mi hai fatto venire tornare indietro di 30 anni: prima ancora di leggere il libro, avevo visto il film che era uscito proprio a giugno qualche giorno prima di iniziare la maturità!... e così in questo giugno, senza ultimo di giorno di scuola, il primo!, ho ripensato all'ultimo anno di liceo, all'ultimo giorno di.scuola, al ragazzo con cui andai a vedere il film...e si il mondo mi ha ricordato che ci sono. Una dolcissima nostalgia, e un po'di tenerezza nel rivedermi allora: un po' come la luce sotto gli alberi.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.