Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Fedeltà/infedeltà.

Venerdì, 1 ottobre 2010 @07:15

"L’infedeltà per Isabel era impensabile, come lo è per qualsiasi donna che è rimasta in quello stato per lungo tempo, finché arriva il giorno in cui semplicemente si smette di essere fedeli".
(Marcela Serrano)

Ma allora non ci sono più pensieri, perché l’unico pensiero sei tu.

(La frase di Marcela Serrano, scrittrice cilena, è tratta da "Noi che ci vogliamo così bene", Feltrinelli: un romanzo di quattro amiche; quattro vite, segreti e amori che si intrecciano).

14 commenti

lorenza | Giovedì, 7 ottobre 2010 @18:52

adriano, sei troppo clemente con me.

adriano | Giovedì, 7 ottobre 2010 @16:33

che sentenza!!!

Lorenza | Mercoledì, 6 ottobre 2010 @20:26

e allora hai perso veramente la brocca Adriano, perché se hai vissuto o condiviso la dimora che in un dato momento della tua vita avrai scelto, non puoi chiamarla "quella casa" dove hai solo raccolto le tue cose. Quanto cinismo e quanta aridità. Non invidio la tua attuale compagna

adriano | Mercoledì, 6 ottobre 2010 @11:27

car Lisa, leggevo la tua frase e mi ricordavo di averla gia' letta come "buongiorno". fedelta'infedelta' proprio in quel tristissimo mese di settembre di due anni fa.
io 11 anni fa non ho perso la brocca, mi sono innamorato per la prima volta in vita mia ma non e' stato facile tornare per l'ultima volta in quella casa e raccogliere tutta la mia roba

Anonima | Lunedì, 4 ottobre 2010 @15:02

Può accadere di guardare qualcuno negli occhi e sentire che quegli occhi hanno già fatto parte della tua vita, chissà quando, chissà dove. Vorresti fuggire e negare a te stessa la felicità che provi nel sentire la sua voce, il desiderio di un suo abbraccio...così si diventa infedeli, ma non voglio dire altro, vi ricordo solo questa bellissima frase che naturalmente non ho scirtto io.
Ama, ama follemente, ama più che puoi e se ti dicono che è peccato... ama il tuo peccato e sarai innocente
W. Shakespeare

Fiorenza | Domenica, 3 ottobre 2010 @21:53

Innanzitutto grazie, Lisa: quella frase è pesante come un macigno e forse in essa ci può essere un frammento di verità. Forse l'autore l'avrà messa in bocca a uno spirito libero. Mi viene in mente un signor filosofo che non mi è mai piaciuto e si tratta di Nietzsche (mi sarà sfuggita qualche consonante?). "L'affermazione della libertà è il destino dell'uomo" Ma se la propria libertà calpesta i sentimenti di chi ci ha amato? Bè, mi sono impantanata: Ma tanto, si sa, io le sparo grosse....

Savonarola | Domenica, 3 ottobre 2010 @15:17

Parlando di infedeli di tutt'altro tipo:oggi non sono andato a messa. Temevo che il mio buon parroco giustificasse i blasfemi, forse ordini dell' alto di qualche monsignore??.

Giusy | Domenica, 3 ottobre 2010 @13:48

Il giorno in cui si smette di essere fedeli... poi cosa accade? si chiudono porte e si spalancano finestre su nuovi orizzonti ( e correnti d'aria). Spesso le porte rimangono socchiuse e le finestre restano con le tapparelle a metà. in penombra

adele | Sabato, 2 ottobre 2010 @21:20

Mi aspettavo qualcosa di più su questo argomento. Evidentemente nessuno ha voglia di parlarne e io sono la prima a tacere, ma voialtri?
Suvvia! Tanto c'è l'anonimato.

LISA | Sabato, 2 ottobre 2010 @11:36

FIORENZA: il romanzo della Serrano (che mi era stato regalato da una carissima amica, amica dai tempi del liceo) è stato un po' una delusione. Ti regalo invece una frase che graffia, di Hanif Kureishi: che nel suo durissimo "Nell'intimità" (Bompiani), un libro di dieci anni fa, racconta l'ultima notte nella casa coniugale di un uomo che sta per lasciare moglie e figli. E dice: ""Ho cercato di convincermi che lasciare delle persone non è la cosa peggiore che puoi fare loro... Se non si lasciasse niente o nessuno, non ci sarebbe spazio per il nuovo. Forse ogni giorno dovrebbe prevedere almeno un’infedeltà essenziale o un tradimento necessario. Sarebbe un atto ottimista, un atto di speranza...". Era un mio vecchio Buongiorno del settembre 2008. Fedeltà/infedeltà.

Fiorenza | Venerdì, 1 ottobre 2010 @21:34

l'infedeltà è forse un male necessario in una coppia? Non lo so, non ho letto il romanzo, forse mi potrà dare qualche aggancio, qualche pensiero in più. può anche darsi che una infedeltà occasionale sia invece l'occasione per cementare un rapporto che credevamo un pò spento. Che ne dite? E va bene, il mio nick e il mio pensiero non sono forse graditi. Questo è il bello.. posso scrivere ciò che voglio (senza offendere nessuno)

Sabrina | Venerdì, 1 ottobre 2010 @15:30

Come sono d'accordo, Farfalla. Gli uomini non hanno alcuna remora, anche se un mio amico dice che in realtà soffrono più delle donne e mi ha consigliato di vedere un film, "500 Days of Summer" che, a detta sua, è un film sentimentale per uomini. Lo vedrò, sono aperta a ricredermi. Quello che penso è che sulla fedeltà non si possa essere tassativi, che non si possa dire che non si tradirebbe mai, perchè nella vita non si sa mai. A me non è mai capitato di tradire, ma capisco alcune storie di persone che hanno tradito. Quello che vedo è che gli uomini, giovani o vecchi, ultimamente perdono la brocca un po' troppo spesso e se ne fregano di chi hanno vicino, dei sacrifici che hanno fatto insieme. Anche quelli da cui non ce lo aspetteremmo mai ci deludono, non so davvero quale sia la soluzione a tutto questo.

Farfalla | Venerdì, 1 ottobre 2010 @15:17

volevo dire:NON hanno queste remore. Vado di fretta.,..

Farfalla | Venerdì, 1 ottobre 2010 @15:15

Bella proposta di riflessione, fedeltà, infedeltà... penso in tante di noi si possa sviluppare una sorta di infedeltà, diciamo, virtuale che alla fin fine non viene messa in atto. Paura di nuove sensazioni che magari ci possono aprire nuovi orizzonti? Gli uomini forse non tutti, hanno queste remore, all'occasione si buttano a pesce pur conservando amore, affetto, styima e quant'altro per la compagna di vita....

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.