Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Speak to me, aching heart.

Giovedì, 7 ottobre 2010 @07:35

"Parlami, cuore in pena: perché stai piangendo
al buio, nel garage
col tuo sacco della spazzatura?
Non tocca a te farlo
a te spetta
svuotare la lavastoviglie…
E’ questo il modo di comportarsi
con tuo marito, non rispondere
quando ti chiama?
E’ questo il modo in cui
il cuore si comporta
quando è scheggiato:
vuole stare da solo
con la spazzatura?"

(Louise Glück)

Vuole stare, semplicemente, al buio.

(Si intitola "Midnight" ed è una poesia dell’americana Louise Glück. L’ho tradotta io e ahimé si sente, se penso al bellissimo incipit, "Speak to me, aching heart"…)

7 commenti

Myriam | Sabato, 9 ottobre 2010 @21:12

Stasera sono riuscita a leggere la poesia interamente, non ho tanto tempo da dedicare al blog. Bella e oscura. Alla prossima, quando ci riuscirò.

Myriam | Venerdì, 8 ottobre 2010 @13:02

Non vorrei fare il Bastian contrario, Preferisco questi versi...versione Lisa: Grazie, leggerò tutta la poesia, se il mio inglese di sosterrà.

LISA | Venerdì, 8 ottobre 2010 @07:36

Per MYRIAM:

Speak to me, aching heart: what
Ridiculous errand are you inventing for yourself
Weeping in the dark garage
With your sack of garbage: it is not your job
To take out the garbage, it is your job
To empty the dishwasher. You are showing off
Again,
Exactly as you did in childhood--where
Is your sporting side, your famous
Ironic detachment? A little moonlight hits
The broken window, a little summer moonlight,
Tender
Murmurs from the earth with its ready
Sweetnesses--
Is this the way you communicate
With your husband, not answering
When he calls, or is this the way the heart
Behaves when it grieves: it wants to be
Alone with the garbage? If I were you,
I'd think ahead. After fifteen years,
His voice could be getting tired; some night
If you don't answer, someone else will answer.
(Midnight, Louise Glück)

Myriam | Giovedì, 7 ottobre 2010 @21:30

Bukowskiha anche detto: eterna ritorna la speranza come un fungo velenoso

Patrizia Rogers | Giovedì, 7 ottobre 2010 @20:58

Anch'io voglio stare, semplicemente, al buio. Perchè, come ha scritto Bukowski "scrivere poesie non è difficile: è difficile viverle". E questo di oggi, nonostante i colori del tramonto di questa sera, mi è parso un mondo senza poesia.

Myriam | Giovedì, 7 ottobre 2010 @20:25

mi piace la versione, così, a spanne.

Anonimo | Giovedì, 7 ottobre 2010 @13:43

A volte siamo tentati di unire alla spazzatura il recente vissuto che ci fa soffrire.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.