Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Che cosa sognano i parchi?

Mercoledì, 10 novembre 2010 @09:03

"Il parco sprofondato nel sogno verde-nero di se stesso"
(Michael Cunningham)

Ma che cosa sognano i parchi? Sognano colori: di notte, verde scuro e nero petrolio, illuminato dalle luci pallide dei lampioni o dalla scia brillante della luna. Di giorno, sognano soffici sogni d’autunno, ascoltano il fruscìo delle foglie che cadono nei viali, sotto alberi carichi di rosso e giallo, così giallo che sembra oro.

Ci sono libri che non ci convincono, anche se una frase, magari soltanto una, ci rimane appiccicata addosso. E’ quello che mi è successo con il deludente "Al limite della notte" (Bompiani), l’ultimo romanzo di Michael Cunningham: la storia di un uomo che si scopre (forse) innamorato del fratello più giovane della moglie… Niente a che vedere con il suo indimenticabile "Le ore", da cui è stato tratto il film con Meryl Streep, Nicole Kidman e Julianne Moore, ricordate? Ma in ogni caso è bello ascoltare i sogni dei parchi: soprattutto se, come nel libro di Cunningham, siamo a Manhattan, e il parco è Central Park.

11 commenti

LISA | Giovedì, 11 novembre 2010 @08:00

CARRIE: uh, grazie! Io invece ogni volta che torno da Princi e sento il profumo di pane rivedo Stella, e la scena iniziale di "Glam Cheap". Chissà cosa le è successo, nel frattempo, chissà se anche a lei, quando passa davanti alla vetrina, viene un po' da ridere.

LISA | Giovedì, 11 novembre 2010 @07:50

PATRIZIA FIORISTA, sai che ti penso sempre un po' quando scelgo dei versi che parlano, ricordano chi non c'è più? Penso a te e alla tua bimba perduta. Ti mando il sommaco rosso del Carso, il sommaco rosso dell'autunno a Trieste.

"ArTeMiSiA" | Mercoledì, 10 novembre 2010 @20:17

Ciao Lisa, io durante settimana da folle universitaria vedo dalla mia finestra un pezzettino del milanese Parco Lambro. E l'autunno è meravigliosamente colorato nella grigia città!

mari | Mercoledì, 10 novembre 2010 @17:55

GIUSI vai al post del 4 novembre, il pezzo sui tacchi, e forse sorriderai...è autobiografico!

Carrie | Mercoledì, 10 novembre 2010 @17:07

Ciao, Lisa, sabato scorso sono stata a Milano e OVVIAMENTE ho fatto la mia pausa da PRINCI e...ti ho pensato! Ti ho mandato virtualmente un pò del magnifico profumo che c'è in quel luogo...ma chissà se nel tuo altrove ti manca...e quali incredibili alternative avrai...
Pensando ai parchi, una città molto verde nella quale ho vissuto un pò è Torino: e con l'occasione saluto anche Aria.

Giusy | Mercoledì, 10 novembre 2010 @14:30

e vergognati almeno un poco, Mari! Ci sbatti in faccia il tuo 1,75!!! Pietà. Ma sto scherzando. Vai ai post di ieri e sorriderai. Sto "smanettando" in attesa del risveglio del consorte. Oggi, dentista e voglio accompagnarlo. Non si sa mai.

patrizia fiorista | Mercoledì, 10 novembre 2010 @14:15

Ciao Lisa, e ciao a tutte/i, è tanto che non scrivo ma leggo sempre.
Ricordo con stupore la lucentezza delle stelle viste di notte al parco dell'uccellina in maremma 2 anni fa, e non dimentichero mai i sogni del parco Keukhenof ad Amsterdam,credo di aver visto ogni colore dell'arcobaleno.....Vi mando tanti tulipani colorati Patri

Mari | Mercoledì, 10 novembre 2010 @13:49

sì, certo i parchi sognano a colori, se sognano. Il quesito lo proporrò ai miei alunni. Vi faccio sapere.
p.s. LISA, sai che dall'alto del mio metro e settacinque ti immaginavo come sei? Lisacorva, piccolo uccello che vola sui nostri giorni seminando versi e pensieri, e che dai fili su cui staziona non disdegna graziose conversazioni frivole.
ps 2 Oggi ho i leggins: che comodi!

SimoneRED | Mercoledì, 10 novembre 2010 @13:33

Anche oggi l'autunno e i colori che ritornano.
il mio buongiorno è stato questo.
Sono seduto in autobus vicino alla signora stabilo.In un giorno di grigio sono seduto vicino ad una signora verde,blu e rosa.sorrido.

la mia era una sciarpa rosso bordeaux, avvolta durante il tragitto da treno a facoltà.
Ho 22 anni, mi sono laureato in luglio al dams di roma tre.Scrivere, questo mi piacerebbe fare, ci ho provato come sceneggiatore e ci provo ancora come pubblicitario nella magistrale in editoria e giornalismo.
ma questi momenti, questi buongiorni sono quelli che sento di più.perchè non scrivo per informare, ma per parlare.

Antonella | Mercoledì, 10 novembre 2010 @10:57

I parchi sono pieni di segreti: sentono le confidenze che si fanno gli innamorati, gli amici e le persone che si incontrano lì per caso magari sulla panchina a leggere il giornale.
Quando arriva la sera e il parco si svuota gli alberi ascoltano il silenzio che la sera ha portato e ripensano a quello che hanno udito e fantasticano un po' sognando di poter fare quello che fanno le persone che l'hanno popolato di giorno.
Per il parco le stagioni sono tutte belle:
la primavera, perché sgorga la vita
l’estate, perché esplode la vita
l’autunno, perché si spegne la vita.
l’inverno, perché lievita la vita.
Antonella

Lele | Mercoledì, 10 novembre 2010 @09:39

Meraviglioso e indimenticabile Central Park. Dove ho passeggiato e sognato di poter restare per sempre a New York.
Buongiorno, Lisa.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.