Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Abiti e petali.

Mercoledì, 2 marzo 2011 @07:22

"Era un magnifico vestito di taffetà. Nero, con applicazioni di velluto e lustrini, di una freschezza soffice e morbida, come quella dei grandi petali scuri delle rose tardive rosso cupo che fiorivano nel giardino accanto…"

(Joseph Roth)

Belli i vestiti che ci ricordano altro: petali, foglie, città sull’acqua, tramonti sospesi. Belli i vestiti e le stoffe che intessiamo di sogni.

(Di Joseph Roth, lo scrittore della "Finis Austriae", la dissoluzione dell'impero autroungarico, conoscete probabilmente "Fuga senza fine" o "La cripta dei cappuccini". La frase che ho scelto per City oggi è invece tratta da "Il secondo amore", una piccola raccolta di racconti appena uscita per Adelphi)

A proposito, io mi sono ordinata un abito-petalo: quello della nuova collezione Erbario di Colomba Leddi, fatta con veri fiori e petali e foglie, raccolti come nei vecchi erbari, appoggiati su tessuti, lavorati con la fotocopiatrice digitale, e poi ingranditi finché diventano altro. Se volete curiosare, il mio è quello che si chiama "dalia", fatto però con dei fiordalisi. Per vederlo dovete cliccare sulle foglie...

http://www.colombaleddi.it/index1.html

10 commenti

LISA | Giovedì, 3 marzo 2011 @07:38

ABITI E PETALI: belli, vero, quelli di Colomba Leddi? Se vivete a Milano, o ci passate, vi aspettano nel suo atelier, che è praticamente di fronte alla Triennale. Ma si possono anche ordinare on line. Quanta voglia di fiori, e di primavera.

LISA | Giovedì, 3 marzo 2011 @07:22

ADELE: papaveri rossi sulla sabbia e anelli sanguinari. Rosso, sempre il colore della rivoluzione.

Fiorenza | Mercoledì, 2 marzo 2011 @20:26

a quale anello ti riferisci adele? a uno cardinalizio o a quello del Raìs sanguinario?

Adele | Mercoledì, 2 marzo 2011 @16:25

Ho cliccato le foglie, ho scelto la blusa violette, ho fatto un pensierino sul primo chardon. Pensierino virtuale. Quello che manca alla collezione è uno scialle con Mille Papaveri Rossi, come quelli che nella mia immaginazione stanno fiorendo ora sui bordi delle fosse di sabbia. Io su quell'anello ci avrei sputato, a tempo debito.

patrizia rogers | Mercoledì, 2 marzo 2011 @14:01

Abiti bellissimi, mi piacerebbe averne uno.... ahimè, la crisi economica flagella, come ieri e oggi questa bora a Trieste. Da ieri per strada vola di tutto, e camminare è un'impresa, ma è bello anche così. Imparo dalla mia cagnolona, che per strada si ferma e alza il muso ad annusare attenta, per guardarmi interrogativa: "ma come, non senti quante cose nuove nell'aria?"

Rebecca | Mercoledì, 2 marzo 2011 @11:29

Dopo la tempesta che ieri ha imperversato sulla mia città,oggi mi sono svegliata con il sole... con tanta voglia di vestiti colorati pieni di fiori
Buona giornata a tutti

Sharon | Mercoledì, 2 marzo 2011 @11:00

Ciao Lisa! quanto tempo che non ti lascio un salutino, come stai?
Io tra una revisione e l'altra, le faccende domestiche e il lavoro comunque non perdo mai l' occasione per leggere i tuoi buongiorno :)
Quello di ieri era fantastico, puntuale. Come sempre...
eil vestito che hai scelto è stupendo, mi fa pensare ai tanto amati fiordalisi.

Ah in tutto questo caos sono riuscita anche a iscrivermi ad un corso di Francese ;)

Passe une bonne journée,
Sharon.

Antonella | Mercoledì, 2 marzo 2011 @10:30

Lisa i vestiti sono meravigliosi.
Oggi il tuo buongiorno è stato proprio super!
Buona giornata a tutti
Antonella

mery | Mercoledì, 2 marzo 2011 @09:36

Bellissimi! Nell'anima una voglia di primavera mentre fuori infuria la bora. Un saluto da Trieste.

Carosella/ Alessandra Spigai | Mercoledì, 2 marzo 2011 @08:22

Bellissimi abiti! mi sono innamorata del vestitino con il prezzemolo! chissà come mai!;) Grazie!!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.