Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Dai marrons glacés di Milano ai Weisswurst di Monaco: come ingrassare in una settimana, giusto in tempo per Natale.

Domenica, 4 dicembre 2011 @16:04

Da vera expat, ogni volta che torno a Milano mi abboffo di tutto quello che non ho a disposizione nel mio altrove: il che, adesso che fa freddo, vuol dire risotto al salto con rognoncini trifolati (sempre più difficile da trovare) e, soprattutto, marrons glacés. Che mi sono concessa ogni mattina o quasi insieme al caffè. Una goduria zuccherina.
La situazione è ulteriormente peggiorata a Monaco, e non sto parlando delle tentazioni dei mercatini di Natale, a cui per fortuna sono immune (il vin brulé su di me ha uno strano effetto repellente), ma del bayerisches Frühstück, la colazione bavarese a cui sono stata trascinata da un amico tedesco: ovvero, alle dieci e mezza del mattino, Weisswurst (che sono proprio, come dice il nome, salsicce bianche), con senape dolce, Brezel (ovvero quel pane croccante e lucido a forma di nodo) e Weissbier. Confesso che mi è piaciuto!

A Milano non ho solo mangiato marrons glacés, ma sono anche andata a vedere la mostra di Pipilotti Rist, l’artista svizzera che mi ha incantato, con le sue installazioni video bizzarre e poetiche, all’interno di uno spazio straordinario, il vecchio teatro Manzoni. Immagini ipercolorate di fiori e corpi femminili sulle scale, nella grande platea abbandonata, sul bancone del vecchio bar delabré. (Purtroppo non in bagno, come accade invece nella sua mostra alla Hayward Gallery a Londra: chiudi la porta, parte la musica e si illumina un video sul pavimento. Mi piace l’arte che mi fa sorridere!). Piccola nota: la mostra di Pipilotti Rist, che è aperta fino al 18 dicembre, è gratis, perché è stata sponsorizzata dalla Fondazione Trussardi. Un’ottima notizia per tutte le "secessioniste" come me e Stella, la Ragazza dallo Sguardo Prezzante che è, come sapete, la squattrinata protagonista di "Glam Cheap" (posso autocelebrarmi e dire che, ahimé, il mio libro è sempre più attuale?). E ovviamente sarei molto contenta se, anche quest'anno, "Glam Cheap" finisse sotto qualche albero di Natale…

7 commenti

ilaria quarteroni | Lunedì, 5 dicembre 2011 @04:39

...sono ritornata in quel posto "del cuore" ...non ho più incontrato la signora Gilda. nel 2009 ero approdata alla cioccolateria,quella mattina l'avevo trovata aperta,avevo degustato una fava di cacao.la signora Gilda aveva scritto sul biglietto da visita: Ne basta poco! Sono ritornata nel Chocolate a novembre del 2011:ho incontrato lo sguardo della signora Daniela. ho assaporato un piccolo pezzo di cioccolato mega fondente.ho sfogliato alcuni libri e ho visto scatolette ben confezionate di dolci speciali.Che armonia, che essenzialità, anche quell'incontro. Venerdì la signora Maria mi ha deliziato con storie familiari affettuose.Credo di aver trovato, anche lì a bergamo,la Santa Lucia. io si, ci credo ancora alla santa lucia.mi ha addirittura dato un bacio. ah! mi ha anche offerto la cioccolata bianca. buoni giorni di luce a tutti noi.qui ora nebbia...spero che si alzi !!!! ila cherììììì

Fiorenzaccia | Domenica, 4 dicembre 2011 @21:16

e mi viene spontaneo fare una piccola differenza tra Maroni eminente uomo politico e i marroni entrambi glassati o glacé

Fiorenzaccia | Domenica, 4 dicembre 2011 @21:12

marrons glacés, Simona. L'accento grave ha la sua importanza in francese. e anche il italiano, altrimenti meglio dire marroni glassati,

Simona | Domenica, 4 dicembre 2011 @19:00

Glacè, sorry!

Simona | Domenica, 4 dicembre 2011 @18:59

Dato che siamo in fase museale volevo segnalare la mostra, appena visitata, sui 150 anni di moda a Venaria Reale insieme a quella su Leonardo da Vinci. Ci siamo stati oggi per festeggiare i 16 anni di matrimonio: un Leonardo a lui e 150 abiti a me. Ci è sembrato di essere all'estero e invece eravamo a un'ora e mezza da Milano! Non ricordo se l'ho già scritto, ma volevo segnalare il film "One day" tratto dal libro di Nicholls che l'estate scorsa mi ha fatto ridere e piangere: sempre meglio il libro, ma anche il film, dopo un lento avvio, non è malissimo. Certo che la tua Stella è veramente più attuale che mai, cara Autrice: chissà cosa penserebbe di queste ultima novità tutte "lacrime&sangue". Meglio affondare nei marron glaceè.

LISA | Domenica, 4 dicembre 2011 @18:26

ALESSIA: che bello sapere che il blog ti tiene compagnia. Spero che funzioni come un marron glacé (o un cioccolatino), e in più a calorie zero!

Alessia | Domenica, 4 dicembre 2011 @17:22

Non scrivo da tantissimo tempo, ma leggo sempre il blog... E' un weekend strano e un po' triste, gli amici mi stanno cercando sempre meno e mi sento un po' sola, al lavoro sono in preda all'ansia da prestazione e non è, diciamo, uno dei momenti più rosei della mia vita. Il blog mi fa sempre compagnia! Forse sarà la volta che imparerò ad autocontrollarmi e a fingere di essere sempre felice. Se ti piace il video sul pavimento Lisa, dovresti visitare il museo della ceramica di Mondovì: (CN): ci sono delle proiezioni con tutte le fasi di lavorazione della ceramica e anche la possibilità di vedere come e con cosa viene apparecchiata la tavola in base alle varie culture e materiali... Tutto questo tramite video interattivi. E' bellissimo!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.