Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

E devo sempre ricordare che la tua mano, stretta nella mia, è fatta di sogni.

Martedì, 10 luglio 2012 @08:14

"E noi? Non ci saranno elegie, né sonetti sulla separazione,
non ci dividerà lo schermo dei versi,
non si porrà fra noi una metafora riuscita,
l’unica separazione che ora ci minaccia è il sonno,
il profondo antro del sonno la cui soglia varchiamo separati,
- e devo sempre ricordare che la tua mano,
stretta nella mia, è fatta di sogni."
(Adam Zagajewski)
Nella tua mano, quando stringi la mia, sento tutti i nostri sogni.

Adam Zagajewski è un poeta polacco. Nato a Leopoli nel 1945, vive in America. I versi di oggi sono tratti da "Dalla vita degli oggetti", una raccolta appena pubblicata da Adelphi.

2 commenti

LISA | Martedì, 10 luglio 2012 @12:44

GABRIELLA: ma certo che c'è tanta indifferenza, disattenzione, individualismo. E anche paura, e guerre, e bombe nei mercati. Ma l'importante non è cosa ci sia nel mondo, il mondo meravigliosamente e crudelmente contraddittorio; l'importante è come viviamo noi. L'importante è quello che riusciamo a fare, creare, regalare. Anche se fosse solo una poesia.

Gabriella | Martedì, 10 luglio 2012 @10:58

perdona lo sfogo lisa ma sto attraversando un momento difficile; finchè ho potuto ho fatto del volontariato, cercato di praticare l'empatia e l'ascolto profondo dell'altro, amo la poesia...ma mi chiedo...sono io che la vedo o c'è? tanta indifferenza, disattenzione, individualismo? scusate se tracimo ma sono tanto amareggiata e in lisa e in tante persone che scrivono sul suo blog "sento" rispetto e cura dell'altro.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.