Incontriamoci in sogno, lì dove ci si può abbracciare.

“È primavera. Ho così sonno.Questa lontananza, così sembra,si ricongiunge nel sogno.Lì ci incontreremo davvero”.(Marina Cvetaeva)Incontriamoci in un sogno, lì dove ci si può abbracciare. (O almeno in coda al supermercato). Marina Cvetaeva, una delle mie poetesse preferite quand’ero ragazza: selvaggia, onirica, visionaria. Nata a Mosca nel 1892, emigrò prima a Berlino, poi a Praga, a […]

Leggi di più
02 Aprile 2020
04 Aprile 2020

Più che primavera, è un erbario: ben pressati tra un decreto e l’altro.

“Io mi stanco ed invecchio, divento stanca come un fiore messo in un codice di diritto penale e, primo sintomo del fatto che invecchio davvero, è che non me ne preoccupo affatto”.(Ariadna Efron)Più che primavera, è un erbario: ben pressati tra un decreto e l’altro. Un altro libro tirato fuori dagli scaffali. Stavolta è un […]

Leggi di più

Sai vedere davvero i colori della città?

“Nelle case, gialle brillavano le luci, come i cerchietti stellati delle fette di limone”.(Boris Pasternak) Sai vedere davvero i colori della città? Seguo il filo casuale (e russo) dei Buongiorno: dopo Marina Cvetaeva, dopo sua figlia Ariadna Efron, ecco Boris Pasternak, il poeta e scrittore che ci ha regalato “Il dottor Zivago”. E che corrispondeva con […]

Leggi di più
06 Aprile 2020
08 Aprile 2020

(r)esistere.

“Mi sveglio e dico: sono perduta.È il mio primo pensiero all’alba.Comincio bene la giornatacon questo pensiero assassino.Signore, abbi pietà di meè il secondo, e poiscendo dal lettoe vivo come senulla mi fosse accaduto”.(Nina Cassian) (r)esistere. Ho ripreso in mano una raccolta di poesie da cui avevo sfilato molti Buongiorno: “C’è modo e modo di sparire- […]

Leggi di più

Dove sono finiti tutti gli abbracci?

“Questo gesto dove si era nascosto,questo abbraccio rotondo?Scuro e morbido, come la notte d’estate,in cui le stelle pulsano tutte…”(Amy Károlyi)Dove sono finiti tutti gli abbracci? Il Buongiorno di oggi non viene da un libro, ma è il regalo di una traduttrice ungherese: Amy Károlyi è una scrittrice del Novecento, nata e vissuta a Budapest. Sì, Budapest dove […]

Leggi di più
10 Aprile 2020
13 Aprile 2020

Reset.

“Nel paradiso ho disegnato un’isolaa te uguale e una casa sul marecon un grande letto e una piccola porta”.(Odisseas Elitis)Reset. In questi giorni di lockdown, cosa mi manca di più, oltre al caffè al bar, o seduta in un caffè del mondo? Il mare, ovviamente. Le isole. Nuotare. Gli ulivi sulla spiaggia. Così mi sono […]

Leggi di più

Cuore di geranio, dita di gelsomino. La mia vita è un balcone.

“L’odore della legna mi toccava il cuore con dita, come di gelsomino, come di alcuni ricordi.”(Neruda) Cuore di geranio, dita di gelsomino. La mia vita è un balcone. Non so come sia arrivato tra i miei scaffali, è un Neruda dalla bellissima copertina grafica, solo il nome in bianco su fondo blu: “Poesie”, Nuova Accademia Editrice, in […]

Leggi di più
15 Aprile 2020
17 Aprile 2020

Saper aspettare è saper immaginare.

“Ho disegnato una portae mi sono seduta dietro di leipronta ad aprirlanon appena arrivi.”(Dunya Mikhail)Saper aspettare è saper immaginare. Da qualche giorno mi tornavano in mente i versi sulla porta disegnata nel muro, di una poetessa nata a Bagdad. Erano un mio vecchio Buongiorno su City. Non solo: sono finiti anche nel mio ultimo libro, […]

Leggi di più

La tentazione del buio.

“Non voglio continuare a essere radice nelle tenebre,vacillante, disteso, tremante di sonno,giù, in basso, nei muri bagnati di terra,assorbendo e pensando, mangiando ogni giorno.Non voglio per me tante disgrazie.Non voglio continuare a essere radice e tomba,sotterraneo solo, cantina di morti,intirizzito, morente di pena.Per questo il giorno lunedì arde come petrolio…”(Neruda)La tentazione del buio. Ho ripreso […]

Leggi di più
19 Aprile 2020
21 Aprile 2020

Hai anche tu una tazza che ti sorride?

“È così ogni sera, quando chiudo dietro di me l’uscio della mia camera per andare a dormire; compio questo gesto semplice e consueto con avida ghiottoneria, assaporandolo… Poi, adagio, mi volgo e ricerco nella penombra le cose che da anni amo vedere attorno a me; ed esse, poiché finalmente siamo sole, mi riconoscono e sorridono”.(Alba […]

Leggi di più

Pace drammatica, ti ringrazio, per avermi messo sulla punta del tuo coltello.

“Pace drammatica, ti saluto e ti ringrazio,per avermi messo sulla punta del tuo coltello”.(Saša Pavček)  Pensiero di oggi: trovare un nuovo equilibrio. La poesia di oggi, sulla pace drammatica della solitudine, è stata scritta in questi giorni da Saša Pavček, attrice, poetessa, commediografa di Lubiana. È solo l’incipit , quello che ho riportato, ma mi ha colpito tantissimo, […]

Leggi di più
23 Aprile 2020
25 Aprile 2020

Solo una donna libera è una donna felice.

“Io sono una donna libera. Sono stata, e dunque posso essere, una donna felice…”(Françoise Giroud)Solo una donna libera è una donna felice. Questa di oggi è una frase che mi è sempre piaciuta: ma che volevo ricordare oggi, 25 aprile. L’ho ritrovata e il mio primo pensiero è stato: quanti centimetri di libertà? Un metro […]

Leggi di più

La luce che entra dalle grandi vetrate a quest’ora del giorno, e mette in corsivo ogni cosa che tocca.

“E dovrei ricordare la luceche entra dalle grandi vetrate a quest’ora del giornoe mette in corsivo ogni cosa che tocca”(Billy Collins)Questo tempo sospeso, che come luce mi investe e mi cambia. Non è meravigliosa quella luce che entra e mette tutto in corsivo ? La poesia è di Billy Collins, ed è tratta da “Balistica” (Fazi Editore). […]

Leggi di più
27 Aprile 2020
29 Aprile 2020

Caffè all’aperto, la mia idea di felicità.

“A Parigi non c’è un inverno vero e proprio, cade la pioggia, scroscia, picchia, bisbiglia sui vetri e sui tetti un giorno, due, tre. In gennaio all’improvviso arriva, verso la fine del mese, il giorno in cui tutto brilla, il tepore si diffonde, il cielo è azzurro e ai tavolini del caffè la gente sta […]

Leggi di più